Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

Laquintana: "Sosta provvidenziale, alla ripresa ci faremo trovare pronti"

Pubblicato in Prima Squadra - Giovedì 22 Febbraio 2018

Il playmaker biancorosso in conferenza stampa analizza il momento della squadra dopo la pausa per le Final Eight: "Con Varese una partita delicata, ma recupereremo gli assenti".

All'indomani dell'amichevole con Firenze, prima sgambata dopo la settimana di sosta concessa alla squadra in occasione delle Final Eight di Coppa Italia, tocca a Tommaso Laquintana presentarsi in conferenza stampa e analizzare il momento del gruppo, a dieci giorni dall'importantissima sfida contro Varese: "Siamo ripartiti discretamente dopo la pausa -spiega il playmaker biancorosso- anche se purtroppo a ranghi ridotti. Lo scrimmage di ieri è stato positivo: magari nel primo quarto abbiamo fatto un po' di fatica, ma poi credo che  abbiamo fatto vedere buone cose contro una squadra comunque da non sottovalutare, che sta facendo, nella propria categoria, una stagione da protagonista".

La pausa permetterà di presentarsi alla sfida con Varese probabilmente al completo: "Credo che questa sosta -afferma Laquintana- sia stata provvidenziale perché ci consente di avere tempo per preparare una gara molto importante e di recuperare giocatori come McGee, Bond e Barbon alle prese con problemi più o meno fastidiosi. Siamo consapevoli che quella che ci aspetta alla ripresa è una partita delicata, forse la più delicata di quelle affrontate finora, anche perché capita in concomitanza con due trasferte molto impegnative per le nostre dirette concorrenti nella corsa alla salvezza: diciamo che vincere ci permetterebbe di staccarci in maniera forse determinante dalla zona rossa e quindi ci vuole una grande prestazione".

L'ex-giocatore di Capo d'Orlando non ha però grossi rimpianti per l'andamento di questa stagione: "Certo, ripensando al precampionato e alle prime due giornate -commenta Laquintana- forse tutti ci aspettavamo qualcosa in più, ma dobbiamo essere onesti con noi stessi: nessuno, nemmeno di fronte alle tantissime difficoltà di questi mesi, si è mai tirato indietro, o semplicemente non ha dato il massimo. Tutti quanti ci abbiamo messo l'anima, sempre, nonostante gli indubbi problemi che ci sono capitati. Mancano comunque ancora dieci giornate: dipende tutto da noi e sono convinto che ci faremo trovare pronti".