Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Archivio notizie

The Flexx, è festa anche in casa: Brindisi annichilita

Pubblicato in Prima Squadra - Lunedì 9 Ottobre 2017

I biancorossi si impongono 83-77 dopo aver toccato anche i 20 punti di vantaggio

La The Flexx ottiene la seconda vittoria consecutiva e, dopo il blitz di giovedì a Capo d'Orlando, può festeggiare anche di fronte al proprio pubblico. 

I biancorossi hanno per lunghi tratti dominato la sfida contro Brindisi, salvo rilassarsi un po' troppo nel finale, quando i pugliesi (guidati da un Giuri alla miglior partita in carriera, almeno a livello di serie A) sono tornati a farsi minacciosi, rientrando dal -17 fino al -5 (80-75 a 1'45'' dalla sirena).

Le sensazioni, tuttavia, lungo l'arco dei 40 minuti, sono state abbastanza chiare: Pistoia non ha mai temuto veramente di poter perdere la gara, anche se coach Esposito dovrà lavorare su qualche passaggio a vuoto che in futuro potrebbe costare assai più caro. Il tempo tuttavia è dalla parte di Moore e compagni, che, senza dubbio, lasciano intravedere una qualità già discreta e margini di miglioramento a dir poco interessanti.

La cronaca del match con i pugliesi vede subito la The Flexx partire con le idee chiare (8-2 dopo nemmeno tre minuti) e nemmeno il secondo fallo in un amen di McGee sembra disorientare i biancorossi, che traggono grande giovamento dall'ottimo impatto sulla partita di Laquintana (sei punti fra quinto e decimo minuto) e volano a +10 (21-11 al settimo, che diviene 26-16 sulla sirena che segna la fine del primo quarto).

Brindisi parte meglio nel secondo periodo, rientra a -4 (29-25), ma il break di 10-0 che Pistoia le assesta in tre minuti pesa come un diretto in pieno volto. Cinque punti di Barber tengono comunque viva la fiammella della speranza per la truppa di Dell'Agnello (46-34 all'intevallo lungo), che paga, fra l'altro, anche una pessima serata dalla linea della carità. La The Flexx ne approfitta e si esalta, infiammando in pubblido del PalaCarrara a inizio di terzo quarto, quando un'incredibile combinazione aerea fra Moore e Bond proietta i padroni di casa avanti di 17 (54-37) e costringe coach Dell'Agnello a parlarci un po' su. Con l'inerzia della partita completamente in mano, Pistoia si rilassa un po' troppo: Brindisi, grazie ai "panchinari" Giuri e Cardillo ringrazia e torna in meno di tre minuti a -6 (54-48), prima che la The Flexx rimetta le cose a posto con due triple di McGee e una di Gaspardo che, insieme ai quattro punti consecutivi di Bond, fissano il punteggio sul 67-49 su cui si chiude il terzo parziale.

I ragazzi di coach Esposito sembrano in grado di poter gestire tranquillamente anche gli ultimi dieci minuti e, in effetti, fino al 78-61 non sembrano esserci imbarazzi di sorta da parte di Moore e compagni che però compiono l'errore di concedersi qualche distrazione non richiesta: Brindisi, prima con la sola forza della disperazione, poi anche con lucidità, si rifà sotto fino al 78-73, ma a quel punto Pistoia è brava a recuperare concentrazione e solidità e a mettere definitivamente la parola "fine" sul match grazie ai due canestri di Kennedy che rendono vano l'estremo tentativo del generosissimo Giuri. Finisce 83-77: un punteggio che di sicuro non rende pieno merito alla vittoria (indiscutibile) della The Flexx, ma che comunque proietta a quota 4 in classifica la squadra biancorossa. E di questi tempi proprio non ci si può lamentare...